venerdì 16 dicembre 2011

PRIME CONSIDERAZIONI SUL PARTO DI MALICE

11 Dicembre 2011 

Dopo un intera giornata di attesa, Yuki finalmente inizia il travaglio intorno le ore 18.00, come riscontrato con le cucciolate di Luna, anche lei ha preferito le ore tranquille della sera per far nascere i suoi piccoli. Di solito le femmine scelgono orari tranquilli, come la mattina presto o il crepuscolo.
Il parto se concluso a mezzanotte, e con grande sorpresa ne sono nati 7 .
Dico con grande sorpresa, perché la lastra fatta non era risulta nitida, io contavo 7 colonne mentre il veterinario ne contava solo 5, in seguito il numero è stato convalidato da un ecografia, ma … avevo visto giusto.
Avevo abbandonato l’idea di aver visto il numero 7, ma quando Yuki mi ha deposto in mano il sesto cucciolo, ho ricominciato a vedere il numero 7… non nego la felicità.

Le lastre sono importanti, ci dicono con esattezza quello che noi dobbiamo aspettarci … ma a volte non è facile decifrare una lastra poco nitida, che fare in questo caso?,  occorre munirsi di ossitocina, dopo un ora o poco più dall’ultimo cucciolo, somministrare una dose (dosaggio indicato dal medico veterinario in rapporto peso cane).
L’ossitocina* provoca contrazioni, la cagna spinge, con questa azione la gestante espelle tutto quello che ha ancora dentro.
Ricordo l’ultimo parto di Luna, dopo due ore dall’ultimo cucciolo nato, lei non aveva più stimolo per spingere, nel suo caso si trattatava di un cucciolo morto.
Il piccolo non muovendosi non stimolava la madre nelle spinte, e si avvicinava lentamente all’uscita. Sapevo che ce n’era rimasto ancora uno, la lastra mi aveva a sua volta indicato la presenza di 7 cuccioli, e nel suo caso mancava proprio il settimo.
Cosa feci, su prescrizione veterinaria somministrai una dose di ossitocina, pochi istanti dopo l’inoculo il cucciolo venne al mondo purtroppo morto.
Nel caso di Luna un cucciolo non espulso può essere nelle ore pericoloso, e può provocare infezioni, soprattutto se la cagna rimane per lungo tempo nella cassa e si ostina a non  lasciare i cuccioli.
Da ricordare che è importante che la fattrice dopo 6 – 8 ore da parto si muova, esca e faccia i suoi bisogni, il movimento corporeo aiuta l’eliminazione dei corpi – residui rimasti nell’addome, favorisce la pulizia.
Nel caso di Yuki l’ossitocina è servita a farle eliminare i residui.

Con sorpresa noto, che le sacchette amniotiche di Yuki sono trasparenti, ben vascolarizzate, con liquido trasparente, e resistenti.
Questo, secondo il mio punto di vista è  perché abbiamo evitato il rischio di contagio Herpes Virus con la vaccinazione.
Eragon figlio di Luna molto probabilmente ha riscontrato il virus da sua madre, e visto i difficili risultati con l’ultima mia cucciolata, abbiamo deciso per la prevenzione.
Alle spalle ho come esperienza tre cucciolate con Luna, le prime due, sono andate bene anche se avevo già allora dei segnali, ma quei segnali sono stati attribuiti al caso, perché nessuno nonostante le mie note, mi aveva messo sulla strada giusta, solo con il terzo parto, nonostante le varie precauzioni, (ambienti puliti, microclima adeguato) i cuccioli iniziarono a stare male, morendo uno dietro l’altro agonizzando in un modo mai pensato. Da quel momento mi sono messa ad indagare, non solo sui vari testi, ma con una diagnostica clinica (autopsia del cucciolo) che mi portato alla conoscenza dell’HerpesVirus, da questo risultato,  scopro l’esistenza del vaccino.
Se i 7 cuccioli di Yuki sono il risultato di una buona prevenzione, contro l’Herpes Virus, non posso essere che soddisfatta, ora non mi resta di affrontare la prova del nove con la prossima cucciolata di Luna e Manny, li avrò la conferma al mio problema.
Al quarto giorno di vita, un maschietto muore. Il piccolo ha solo un episodio di rigurgito inalato, dopo la poppata, schiuma alla bocca irrigidimento muscolare (spasmo) per poi un rilassamento totale, Emanuela riesce a farlo respirare di nuovo, ma non basta da quel momento da chiari segnali di debolezza e di ipotermia, temperatura corporea intorno ai 35,5 gradi. Non ci sono altri segnali che mi fanno supporre altre cause, il tono muscolare del piccolo è buono, anche il respiro è normale, non è addominale ed è regolare. Molto probabilmente il malessere di quel cucciolo era legato a cause fisiologiche.
Ricordiamo che i cuccioli terminano la loro costruzione fisica  nei giorni successivi al parto.

Yuki si era accorta di questo, ed ecco la sua poca attenzione nei confronti del cucciolo.
Non dobbiamo dimenticare che in natura i cuccioli nascono in condizioni atmosferiche e ambientali diverse dalle nostre, eppure il più forte sopravvive, dobbiamo imparare ad accettare anche questo aspetto molto importante ai fini di una buona selezione.

I  6 cuccioli rimanenti 4 maschi e le 2 femmine stanno per ora bene, crescono di peso in modo omogeneo, sono belli attivi e reattivi, domani al sesto giorno dalla nascita inizieremo il programma “Quello che conosco non temo” ovvero Sensibilizzazione Neurologica Precoce, Socializzazione Intraspecifica, Socializzazione Interspecifica, Socializzazione Ambientale.
Il programma verrà attuato nelle sue fasi in base al periodo di vita dei cuccioli “Periodi Sensibili”.

*Ossitocina: L'ossitocina è un ormone prodotto dall'ipotalamo e secreto dalla neuroipofisi, una struttura anatomica della grandezza di un fagiolo, posta alla base dell'encefalo. Racchiusa e protetta da una nicchia ossea, l'ipofisi è costituita da due ghiandole contigue che danno origine ad una porzione anteriore e ad una porzione posteriore (neuroipofisi).
L'ossitocina è un ormone di natura proteica (un peptide di nove aminoacidi) che agisce prevalentemente sulla mammella e sull'utero. Durante il travaglio ed il parto provoca contrazioni delle fibrocellule muscolari lisce uterine, favorendo l'espulsione del feto.
Testo e foto: Katia Verza Sulleormedellupo




www.sulleormedellupo.it 
Allevamento Cane Lupo Cecoslovacco Pavia
Addestramento Educazione Cinofila Cane Lupo Cecoslovacco Pavia

lunedì 5 dicembre 2011

FOTO E COMMENTI STAGE 26 - 27 NOVEMBRE 2011

Vorrei ringraziare di cuore i partecipanti della seconda giornata dedicata all'allevamento del 26 - 27 novembre 2011 ALLEVARE - CRESCERE - EDUCARE.
Sono contenta di esservi stata di aiuto, e sono contenta di aver condiviso con voi la mia esperienza.
Sono sempre di più convinta che senza il confronto, lo scambio di opinioni, la crescita cesserebbe e tutto si arenerebbe come un vecchio relitto su una spiaggia deserta...
Vi lascio alle immagini della giornata, e ai commenti dei partecipanti...
Ancora grazie di cuore... per la vostra partecipazione.

Katia Verza


Foto Maria Cestari

MARIA CESTARI : Prima di intraprendere l'avventura con il mio primo cucciolo di clc, ho seguito diversi stage di Katia per conoscere le caratteristiche di questa splendida razza e in generale per aumentare le mie conoscenze sul mondo della cinofilia.
Già allora ero rimasta colpita dalla vastità dei temi trattati durante gli incontri e dalla semplicità con cui venivano affrontati. Può sembrare un'osservazione banale, ma avendo frequentato vari corsi e letto diversi libri sull'argomento, mi sono accorta che spesso si descrivono le cose utilizzando "paroloni" che sembrano dare un tono più professionale alle affermazioni, quando invece è possibile esprimerle in maniera più semplice e comprensibile... Katia in questo è fantastica perchè il suo obiettivo primario è la condivisione del suo lavoro e del suo pensiero...l'importante per lei è trasmettere l'informazione, accertarsi che l'ascoltatore l'abbia compresa ed infine stimolare il confronto, soprattutto con chi non è nuovo dell'argomento, così da avere diversi punti di vista e magari trarne degli spunti su cui riflettere e quindi migliorarsi.
Dopo aver seguito i suoi stage sul tema "conoscere il cane lupo cecoslovacco", ora che la mia cucciolona ha circa 2 anni e mezzo, ho deciso di intraprendere con lei un'altra grande avventura: darle la possibilità di essere mamma.
In preparazione di questo grande e importante evento, mi sono rivolta nuovamente a Katia per farmi istruire a dovere!
Abbiamo partecipato perciò allo stage "allevare-crescere-educare", trascorrendo due giorni, (anzi quattro visto che abbiamo fatto il bis!), nei quali sono venuta a conoscenza di un mondo fantastico, che già conoscevo ma non in modo così dettagliato. Purtroppo la maggior parte della gente lo ignora quando invece riveste un ruolo fondamentale per la futura vita del cane.
Anche in questo caso Katia ha trattato tutti i temi relativi all'argomento (il ciclo, la monta, i preparativi, la nascita, i periodi sensibili, etc., etc., etc.), ai quali ha integrato anche argomenti più generici riguardanti il comportamento, la morfologia, l'alimentazione, etc...Questo perchè, come giustamente ci ha fatto notare, se un allevatore non conosce la specie che vuole allevare, non ha neanche le basi per cominciare!
Anche l'atmosfera era la stessa di sempre, allegra e divertente! sarà che noi ormai siam di famiglia e che la compagnia era particolarmente simpatica, ad ogni modo quando sono rientrata da queste giornate, ero all'apice della felicità e non vedevo l'ora di ripassare tutte le nozioni apprese! Una nota di merito particolare va infatti anche alle dispense e alla cura con cui sono state redatte!
Grazie mille di tutto... alla prossima!
mariacesta86@hotmail.it

TIZIANA CASARETTO: Ciao Katia,
mi sono presa qualche giorno per rileggermi tutte le slide. Secondo me il corso che hai tenuto è fatto davvero bene: parti dalla basi, dalle cose più semplici senza dare nulla per scontato (cose che magari a persone come me che mi avvicinavo per la prima volta a queste cose poi tanto scontate non sono) fino ad arrivare ad aspetti molto tecnici. Ho trovato molto utile anche il fatto che tu abbia parlato sia degli aspetti "pratici" dell'allevamento sia degli aspetti burocratici, che credo non vadano assolutamente sottovalutati per il beneseere dell'animale in primis. Credo che le tue slide siano fatte bene (dettagliate, precise) ma quello che ho più apprezzato è che oltre a spiegarci il contenuto di quest'ultime tu abbia spesso inserito aneddoti, esperienze in cui ti sei ritrovata con tuoi cani e come hai fatto a risolverle. Vorrei sottolineare la tua pazienza e disponiblità nel rispondere alle domande più banali e nell'offrirci la tua opinione e la tua interpretazione di alcuni fatti che hai osservato.
Detto questo, ti ringrazio moltissimo per i due giorni passati assieme e spero che ci sarà occasione per rivederci presto e confrontarci ancora.
Baci
Tiziana
tiziana84@alice.it

EMANUELA AMATO: Ottimo stage, ricco di informazioni che vanno da nozioni su come districarsi nel complicato mondo della burocrazia cinofila a come preparare la pappa a mamma e cuccioli. Informazioni nozionistiche e anche pratiche, perchè quando si arriva al dunque c'è bisogno di sapere dove mettere le mani. Un stage fondamentale per capire come si diventa allevatori per passione e non per denaro.
emamato@live.it
Autori fotografici: Katia Verza e Maria Cestari
Le immagini sono coperte da COPYRIGHT
VIETATO qualsiasi tipo di utilizzo senza l'esplicito consenso da parte dell'Autore e la citazione dello stesso.